AZHAD'S BACCO E TABACCO
AZHAD'S BACCO E TABACCO

AZHAD'S BACCO E TABACCO smoking è la nuova linea di tabacco di Andrea Colaianni inventore e produttore di questi liquidi per sigaretta elettronica estratti da foglie di tabacchi non lavorati e alcolici veri. Sono ottimi da svapare tutto il giorno

Rivenditore ufficiale Smo-King Azhad Elixir

Azhad's Bacco e Tabacco Amaretto Azhad's

Flavour Bacco ...

AZHAD'S BACCO E TABACCO smoking è la nuova linea di tabacco di Andrea Colaianni inventore e produttore di questi liquidi per sigaretta elettronica estratti da foglie di tabacchi non lavorati e alcolici veri. Sono ottimi da svapare tutto il giorno

Rivenditore ufficiale Smo-King Azhad Elixir

Azhad's Bacco e Tabacco Amaretto Azhad's

Flavour Bacco & Tabacco Cofanetto

Azhad's Bacco e Tabacco Scottish Mixture

Azhad's Bacco e Tabacco Don Papa

Intervista Azhad

Quando Facebook era solo un

accenno di quel che sarebbe divenuto oggi vi erano cose e nomi che incutevano un timore quasi reverenziale, per molti Vapers in erba il nome di Azhad era di sicuro tra questi il suo nickname ha attraversato ogni epoca dello svapo ed è giunto ai nostri giorni più splendente che mai…andiamo a conoscere

Andrea Azhad Colaianni

in quest’intervista.

 

 

Il tuo nome è fra i primi di cui si è cominciato a parlare sul web, ci puoi dire come tutto è iniziato?

L’inizio è ancor prima l’avvento della sigaretta elettronica, è un amore per il tabacco da pipa nato nel salotto/bottega di Paolo Becker e Massimo Musicò, che mi hanno iniziato ai misteri della pipa e della miscelazione del tabacco. Affinata poi negli anni, producendo misture da pipa inglesi ed aromatiche per uso personale e per gli amici del club della pipa. Iniziando a svapare, ho subito visto che erano presenti aromi al virginia, latakia, perique, e molti altri. Preso dalla smania di potermi ricreare la mia mistura inglese preferita li presi tutti...

Il risultato come potete immaginare non fu soddisfacente. Tristemente ho abbandonato quella idea ed ho iniziato a svapare, come tutti gli altri a quei tempi, semplici liquidi mono aromatici, ad esempio alla mela, o alla fragola. Ovviamente in testa mi ronzava l’idea che poteva esserci un modo per fare un liquido dal tabacco, e, circa otto o nove anni fa, tanto per provare ho messo un po’ della mia migliore e personale mistura inglese, in una bottiglia di glicole propilenico, l’ho riposta in un ripostiglio buio, e l’ho subito dimenticata. Dopo qualche mese, l’ho ritrovata e, dopo una veloce filtrazione, sono rimasto folgorato dal risultato: c’erano potenzialità, così mi misi a sperimentare e da lì a poco era nata l’estrazione dell’aroma naturale di tabacco per infusione.

 

 

Perché hai atteso così a lungo per diventare "società"?

Durante il periodo in cui producevo per gli amici molti negozi mi contattarono per poter comprare i miei aromi da mettere in vendita, ma ho sempre rifiutato.

Persino Orlando D’Alessandro (La Tabaccheria) mi contattò offrendomi di lavorare per lui, ma anche lì rifiutai, perché sapevo che la situazione legale nebulosa sulla lavorazione del tabacco si sarebbe chiarita e che avrei finalmente potuto aprire la Azhad’s Elixirs.

 

Come mai ora oltre ai tabaccosi hai deciso poi di offrire anche altre linee come la cloud e l’essential dove troviamo estratti di cannella assenzio ed altro?

Per la stessa ragione per cui ho iniziato a produrre aromi di tabacco: non ero soddisfatto da quello che trovavo in giro, e considerandomi un ottimo cuoco e passabile pasticcere, mi sono messo sotto e, dopo sei mesi di esperimenti e prove, sono riuscito a produrre dei liquidi di cui vado molto fiero: gusti particolari e creati con un riguardo speciale alla resa dei vari aromi alle varie temperature di svapo; ogni mio liquido da cloud ha tre sapori distinti (gustabili rispettivamente a circa 60 watt, 100 watt e oltre 150 watt); penso di avere creato dei liquidi non banali in grado di non stancare anche se svapati tutto il giorno.

 

A quali wattaggi consigli di provare i tuoi tabaccosi?

Praticamente tutti, la pipa e soprattutto il sigaro producono un fumo caldissimo, alla pari di uno svapo in cloud. Preparando i miei aromi al 20% di diluizione in puro VG (glicerina vegetale), si possono svapare dai 60 ai 300 watt e si apre un mondo completamente diverso. Sicuramente è da provare.

 

Quale dei tuoi liquidi vorresti avere con te su un’isola deserta?

Il Diecimila: per me è l’apice di un lunghissimo studio di miscelazione, di tecniche estrattive, di affinamento della distillazione frammentata, di maturazione a pressioni, di temperature e ossigenazione fluttuanti a regime controllato. Posso farlo ancora più secco, ma aspettiamo il centomila!

Da poco offri anche una linea di liquidi pronti, puoi descrivercela?

La linea Hyperion rappresenta per me l’eccellenza, sia nella scelta di tabacchi pregiati e smodatamente costosi, sia nella preparazione, prima e dopo l’estrazione dell’aroma, sia nella maturazione controllata. Ho sempre avuto remore nel proporre liquidi pronti: io vorrei che tutti usassero gli aromi dove, a un costo alla portata di tutti, posso offrire quella che considero vera qualità.

Per questo ho sempre resistito a commercializzare un prodotto che è semplicemente l’aroma mescolato alla base, poiché mi sembra un gioco delle tre carte il cui unico vantaggio è del produttore che ottiene un ritorno monetario facile e a mio avviso poco meritato.

Ho sempre offerto liquidi pronti solo quando sapevo di poter dare qualcosa in più, dapprima nei barricati, dove appunto la maturazione in botti di legni scelti appositamente va a impreziosire i vari aromi, adesso nella Hyperion in cui offro una maturazione impossibile da ottenere in casa.

 

Hai altre novità che bollono in pentola?

Semmai nel calderone! Comunque molte: l’espansione delle linee di aromi tabaccosi, l’aggiunta alla linea essential di aromi naturali non di tabacco di altri gusti come la nocciola e il pistacchio, una linea di aromi non tabaccosi per lo svapo di guancia o da cloud, una linea di aromi tabaccosi full VG per gli intolleranti al glicole.

 

Vuoi aggiungere qualcosa prima di salutarci?

Con piacere. Come avrai notato nelle risposte non ho mai usato la parola “macerazione” o “macerato”, questo perché il termine è improprio, il mio processo estrattivo è per infusione dato che, pur senza aggiungere calore direttamente, la semplice azione di agitazione per lunghi mesi aumenta la temperatura al di sopra di quella d’ambiente, anche se di pochissimi gradi, e il risultato è appunto un estratto, non un macerato.

Dopo l’estrazione per infusione il mio processo continua con un’altra estrazione per via di distillazione frazionata il cui risultato finale è poi l’aroma naturale, e non organico, che finisce nelle boccette.

I miei estratti sono pronti da svapare appena mescolati, ma non ho voluto forzare l’estrazione e “cristallizzare” l’aroma in uno specifico gusto, ma ho preferito lasciarlo libero di poter maturare ed esprimersi in modi diversi, questo perché un mio liquido appena

mescolato, quello di una settimana, o di un mese, sei mesi o un anno sono di fatto cinque liquidi completamente diversi e distinti, e chi sono io per dirvi quale vi deve

piacere di più?

Di Più

AZHAD'S BACCO E TABACCO Ci sono 13 prodotti